La Iuc (Imposta Unica Comunale) è stata istituita con la Legge 27 dicembre 2013, n.147 (Legge di Stabilità 2014). Secondo l’art. 1 comma 639: “Essa si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l’altro collegato all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

La IUC si compone dell’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.”

Con la legge di Bilancio 2019 non sono state introdotte rilevanti novità normative in materia IMU-TASI. La novità più importante della legge 30 dicembre 2018 n. 145 è stata l’eliminazione del blocco delle aliquote, i Comuni potranno dunque, eventualmente, aumentare le aliquote fino al massimo consentito.

Resta in vigore tutto quanto precedentemente stabilito dalla Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Novità per il 2019 è l’estensione della riduzione del 50% della base imponibile IMU-TASI prevista per gli immobili concessi in comodato d’uso a parenti in linea retta, in caso di morte del comodatario, anche al coniuge di quest’ultimo (ma solo se sono presenti figli minori).